Bando reclutamento allievi 2014/2015

 

Sono aperte le iscrizioni per i corsi 2014 - 2015
Clicca qui per vedere il bando

Efesto
Prosperpina

Opportunità settore energie rinnovabili

TECNICO INSTALLATORE, MANUTENTORE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI.
 
Il fotovoltaico appare, almeno nel lungo periodo, tra le più promettenti tecnologie "rinnovabili" in grado di produrre energia elettrica su grande scala, soprattutto in Italia dove la ricchezza di radiazione solare pone le installazioni italiane tra le più produttive in ambito comunitario. Il settore fotovoltaico nel nostro Paese deve colmare il divario rispetto a molti altri paesi europei, ma proprio per questo offre molte opportunità. In questo momento in Italia c’è una grande richiesta di tecnici qualificati e le aziende sono alla costante ricerca di personale, perché la domanda è esplosa, ma mancano le competenze professionali per soddisfarla.

 Obiettivi del corso

• Provvedere ad una formazione completa su tutti gli aspetti tecnici ed impiantistici riguardanti la tecnologia fotovoltaica.
• Fornire le competenze, tecniche e normative fondamentali per una corretta progettazione ed una efficace installazione degli impianti.
• Specializzare professionisti in grado di operare in modo indipendente e con successo nelle applicazioni delle tecnologie fotovoltaiche.

Destinatari del corso
Il corso si rivolge a tutti coloro che intendano acquisire o approfondire le conoscenze e le competenze necessarie ad operare nel settore fotovoltaico e aumentare le proprie opportunità di lavoro.

Struttura del corso
Il corso avrà una durata di 700 ore e sarà articolato in moduli teorici e pratici, in particolare :

 

TEO

PRA

totale

Lingua straniera

10

20

30

Comunicazione

50

 

50

Informatica di base

10

30

40

diritto del lavoro e sindacale

15

 

15

igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro

15

 

15

Modulo Cittadinanza/sviluppo sost/pari opportunità

15

 

15

Ricerca attiva di inserimento lavoro

15

 

15

cultura d'impresa

20

 

20

presentazione del corso

5

 

5

spendibilità della professione

10

 

10

elementi di chimica e fisica applicata

30

 

30

elementi di matematica applicata

30

 

30

tecnologia del fotovoltaico

40

 

40

teoria dell'installazione e schemi elettrici

30

 

30

tecnica dell'installazione

 

80

80

teoria e tecnica della manutenzione

20

45

65

stage

 

210

210

totale

315

385

700

Per le attività di simulazione nella progettazione saranno utilizzati PC e software. I discenti avranno a disposizione un servizio di tutoraggio per tutta la durata del corso in aula.
A termine del corso sarà svolto l'esame finale che consisterà in un questionario a risposta multipla e nella elaborazione e discussione di un progetto di impianto fotovoltaico predisposto dai singoli partecipanti.

Svolgimento e sede
Il corso si svolgerà preso la sede En.A.I.P.– ViaLi Destri, 46 - Leonforte.

Supporti didattici
Al termine del corso ad ogni partecipante saranno consegnati su supporto informatico gli argomenti trattati nelle lezioni del corso.

Attestato
Agli allievi che avranno preso parte al 70% delle ore previste del corso ed avranno superato la prova d’esame finale verrà rilasciato un attestato di Qualifica professionale 

Stato di agitazione degli operatori della F.P. della Provincia di Enna

 Siamo i dipendenti di ANFE Regionale, ENFAP ed ENAIP, enti storici della provincia di Enna, impegnati ormai da oltre un ventennio nei corsi di formazione professionale finanziati dalla Regione Sicilia. Ci siamo costituiti in un coordinamento provinciale per manifestare contro la situazione di gravissimo disagio e di precarizzazione che da quasi otto mesi viviamo assieme alle nostre famiglie.
Da mesi non percepiamo lo stipendio. Per la verità ogni anno, da oltre vent’anni, ci siamo dovuti abituare a stringere i denti, a fronte del fatto che mai abbiamo avuto quello che ci spetta il 27 di ogni mese perché gli stipendi vengono sempre pagati in ritardo e mai ad una data prefissata. Nei primi tre mesi dell’anno, e fino a quando la Regione Sicilia non approva il Bilancio, siamo costretti a fare fronte alle esigenze della vita con i nostri risparmi e con ogni genere di espediente.
Quest’anno, invece, in un piano di riordino generale (che però riguarda solo i più deboli e mai il Parlamento Regionale, i cui deputati continuano a percepire emolumenti a più zeri) ci troviamo stritolati in una guerra tra Enti e Regione Sicilia. Quest’ultima, infatti, con l’Assessorato alla Formazione ha, dopo mesi di tira e molla, finanziato il 70% del monte ore agli enti e ha abbassato il parametro orario da circa 200€ a 135€ ora. In questo modo molti di noi rischiano il licenziamento.
Ora la Regione ha sbloccato una piccola parte dei finanziamenti; solo piccole somme che serviranno a pagare qualche mensilità.  Elemosine.
Una parte di noi è impegnata negli Sportelli Multifunzionali: anche il lavoro di questi operatori, indispensabili nella gestione delle politiche attive del lavoro e nel funzionamento dei Centri per l’Impiego, è mortificato dalle carenze organizzative dell’Assessorato alla Famiglia. Anche per loro, stipendi in ritardo e mancata copertura di istituti contrattuali fondamentali e, per alcuni, addirittura dell’intera attività.
Siamo preoccupati: molti di noi hanno già dovuto accendere prestiti e, dopo quasi 8 mesi senza stipendio, rischiano di finire nelle mani di strozzini. Temiamo per il nostro futuro: non riusciamo a far fronte agli impegni (mutui case, bollette varie, spese mediche) assunti grazie alla certezza di uno stipendio che si è invece rivelata una vana speranza.
Nonostante ciò, stiamo continuando a lavorare. Se hanno deciso di azzerare il futuro nostro e dei nostri figli lo faremo con quella dignità che i nostri datori di lavoro e gli amministratori hanno tentato di toglierci in tutti questi anni.
Siamo convinti che una riforma vada fatta, una volta per tutte; ci piacerebbe affrancarci da questo giogo che ci porta ad essere ostaggio della politica, la quale ci considera riserva di voti a cui attingere solo in periodo elettorale. Dopo decenni di onorato lavoro pensiamo di avere già pagato abbastanza e non abbiamo da dire grazie a nessuno. Siamo dei lavoratori, e non dei fannulloni, e adempiamo al nostro compito con coscienza e rispetto.
Alla politica chiediamo ascolto e vicinanza. Ai sindacati chiediamo un’azione sinergica e incisiva a tutela dei lavoratori. All’opinione pubblica chiediamo sostegno e comprensione. 

Assemblea degli Operatori della F.P.

 Per il Segretario Generale Regionale CGIL Mariella Maggio
Per il Segretario Generale Regionale CISL, Maurizio Bernava
Per il Segretario Generale Regionale UIL, Claudio Barone
 Per il Segretari Regionali di Categoria Uil Giuseppe Raimondi
Per il Segretari Regionali di Categoria CGIL Giusto Scozzaro
Per il Segretari Regionali di Categoria CISL,  Angelo Prizzi
Per il Segretari Provinciali CGIL, Rita Magnano
 Per il Segretari Provinciali CISL,Giuseppe Aleo
 Per il Segretari Provinciali UIL,  Vincenzo Mudaro
e p.c.
Al Prefetto della Provincia di Enna
Al Presidente della Provincia Regionale di Enna
Ai Sindaci dei Comuni della Provincia di Enna
Ai Parlamentari Regionali della Provincia di Enna
All’ On.le V. Crisafulli
All’On.le Ugo Grimaldi
Al Direttore SUPL di Enna
Agli Organi di Stampa
 
Gli operatori della Formazione Professionale, dipendenti di tutti gli enti della Provincia di Enna , hanno proclamato lo stato di agitazione permanente e stanno mettendo in campo azioni di sensibilizzazione e protesta per manifestare lo stato di estremo disagio, provocato dalla mancata erogazione degli emolumenti di oltre 6 mensilità e dalla assoluta incertezza riguardo al futuro lavorativo.
            Chiediamo quindi la Vs. presenza ad una assemblea degli operatori, convocata per il giorno 5 luglio p.v. alle ore 16,00 presso l’Hotel Garden di Pergusa (EN).
            Gli argomenti di discussione verteranno sulla necessità di confrontarsi positivamente con le organizzazioni sindacali, il cui operato è sembrato fin qui poco efficace e pallidamente rappresentativo delle istanze dei lavoratori. Sono, ovviamente, problemi prioritari la velocizzazione dell’erogazione degli stipendi, la questione delle mobilità, la totale copertura economica del Piano Formativo e degli Sportelli Multifunzionali e l’esigenza di una riforma del settore condivisa e condivisibile.
            Certi della comprensione, da parte Vostra, dell’urgenza e dell’importanza dell’incontro, confidiamo nella vostra puntuale presenza e attendiamo un sollecito riscontro della presente nota.                                                       
                                          Il Coordinamento degli operatori della F.P.

Sciopero del 9 Giugno

Con riferimento alla proclamazione dello sciopero dei lavoratori della formazione professionale – ambiti della formazione ordinaria, della formazione in obbligo di istruzione e dei servizi formativi (sportelli multifunzionali) di giorno 9 giugno p.v., e, per le richieste manifestate dall’esecutivo unitario di dare continuità allo stato di agitazione con iniziative visibili, si comunica di seguito il calendario deciso e le forme di protesta da utilizzare. Scarica il documento

Condividi contenuti